Eric Baret: Lascia che la percezione si esprima totalmente.

Lasciare che la percezione si esprima totalmente.

Non vi viene detto dove dirigervi, ma piuttosto come lasciare che la percezione si esprima totalmente.

Voler mettere l’accento sulle tensioni fa parte di quello che in India si chiama “la via progressiva”, vale a dire la purificazione. […] In una via diretta si può momentaneamente mettere l’accento su certi nodi, su certi antagonismi. Mettere l’accento vuol dire rendere chiari questi nodi da punto di vista del nostro ascolto, della tranquillità.

Voler sistematicamente purificare il proprio corpo e il proprio mentale è unicamente una violenza. È proiezione. Si vive nel futuro. […] Non c’è nulla da attendere. Ciò che si è, è sempre stato presente. Non c’è nulla da trovare. […] Voler sistematicamente lottare contro una tensione rinvia la questione. È un circolo vizioso. Passate tutta la vita a cercare di distendervi.

Bisogna imparare ad ascoltare il corpo senza saperne nulla… Ascoltare l’istante… Non c’è nulla da cambiare. Si vede solo quello che succede. Non c’è niente da escludere. Volere escludere è violenza. Volersi concentrare è violenza.

Lasciare la sensazione corporale completamente libera e rimanere aperti. Non si tratta quindi di “arrivare a fare”, ma rendersi ben conto di tutte le limitazioni, dei blocchi, della mancanza di sensibilità che ci abita e maschera la nostra reale corporalità.

Più la percezione è “una tensione a portare a sé”, personale, più ciò che si sente sarà ingombrato da strati dove l’opacità e la densità manifestano tensioni e reazioni. Rimanere in una posizione con delle tensioni consolida la memoria di tensioni nel cervello. Si rischia di ripetere ogni volta le stesse tensioni e di trovarsi la mattina con il corpo pesante, solido.

Tante volte, prima di iniziare un movimento, certe zone del corpo si fissano in anticipo. Bisogna ascoltare. Una tensione è un elemento che si è separato dal tutto. Quando essa si reintegra nella totalità si libera il flusso naturale dell’energia.

Eric Baret

Fonte: https://risvegliodalsognoplanetario.wordpress.com/2018/08/29/eric-baret-aforismi-riflessioni/

WooshDe7Torna Su

Precedente Rupert Spira: Non è la persona che è consapevole. Successivo Denkōroku 伝 光 録: Cosa scegliere, cosa rifiutare?