Jeff Foster: La vera Guarigione.

La vera terapia.

Terapia, nel senso più profondo del termine, non ha nulla a che vedere con il sistemare un io a pezzi, separato. Qualsiasi terapia che cerchi di aggiustare e perfezionare un io in difetto non farà altro che perpetrare l’illusione di essere divisi dalla Sorgente, dalla completezza, dal nostro diritto di nascita.

La vera terapia, la vera guarigione, la vera spiritualità perfino, è la riscoperta della completezza originale in seno al nostro sentirci frammentati, IN SENO alla disperazione, alle lacrime, alle perdite, alla nostra più profonda umanità.

Si tratta di un ricordare, un ritornare, un riconoscere: non c’è nulla da sistemare, perché siamo già Divini, già completi, già belli, perfino nel dolore, perfino nella paura, perfino nella rabbia, nel dubbio profondo e nella perdita della fiducia.

Non c’è nulla che non va in noi, al centro della nostra essenza. Il nostro cuore è enorme e può contenere tutto, dalla disperazione più profonda alla gioia più esplosiva, come il Cielo può contenere ogni tipo di tempo, compresi i temporali più forti e le piogge torrenziali.

Smettiamo di cercare di sistemare noi stessi e sistemarci a vicenda, smettiamo di fornire soluzioni e consigli di seconda mano, smettiamo di patologizzare la nostra vulnerabile umanità, smettiamo di fuggire dal momento presente e iniziamo invece a celebrare le nostre imperfezioni, a fidarci dei nostri sintomi, a permetterci di avere l’esperienza presente, per quanto scomoda, intensa, incasinata o sconveniente essa sia.

Fidiamoci, fidiamoci, fidiamoci… fidiamoci perfino di quei momenti in cui non riusciamo a fidarci.

Lasciamo morire il falso. Lasciamo emergere il nuovo. Respiriamo nell’Adesso. Benediciamo il casino di questo momento. Perché qualcosa di Vasto ci sostiene e qualcosa di Infinito ci accoglie. Viviamo, ogni giorno, tra le braccia terapeutiche della vita.

Jeff Foster

Fonte: https://www.facebook.com/JeffFosterITA/

WooshDe7Torna Su

Precedente L'universo è un derivato della coscienza. Successivo Joseph Goldstein: La distinzione tra "dentro" e "fuori" di noi.