Pensare in modo consapevole.

Pensare in modo consapevole e positivo.

Nella persona ignara, che non ha il controllo su se stessa, il flusso dei pensieri scorre incessantemente, giorno dopo giorno, anno dopo anno. Questi pensieri sono la causa di tutti gli effetti che si manifestano, per esempio, sotto forma di malattie, pene, disgrazie e sofferenza.

Le forze dei nostri pensieri sono più potenti di quanto noi possiamo immaginare: ciò che noi pensiamo diviene, presto o tardi, realtà.

I pensieri sono come semi che mettono radici, crescono e portano frutti della loro specie. Se vogliamo divenire felici e sani e raccogliere armonia, amore e pace, dobbiamo allora, innanzitutto, porre nel campo della nostra vita, nella nostra anima, il seme di un giusto modo di pensare.

Dobbiamo renderci conto che ogni pensiero, sia positivo che negativo, tende a realizzarsi. Quanto più spesso formuliamo lo stesso pensiero, tanto più intensa diviene la sua forza.

La maggior parte dei nostri simili non è in unità né con il proprio corpo, né con i propri pensieri. Fino a che non facciamo attenzione a controllare il nostro ego umano, saremo schiavi dei nostri pensieri, che ci sopraffanno e provocano effetti che la persona non è in grado di comprendere in tutta la loro portata.

Di conseguenza, siamo legati alle nostre idee e ai nostri desideri, al mondo dei nostri pensieri e viviamo a modo nostro, lontani da Dio. Chi si lascia rendere schiavo dai propri pensieri e desideri è un dilettante, che non è in grado di pensare e di vivere in modo giusto. Egli si lascia sfuggire la vita e crede di vivere, perché per lui la vita consiste nell’appagare i propri desideri.

Se vogliamo vivere con Dio e giungere all’origine della Fonte, allora dobbiamo pensare in modo sempre più altruistico e divino, avere la pace e pensare in modo pacifico, avere gioia e donare gioia, avere amore e donare amore.

Se il principio del ricevere e del dare è così in equilibrio, allora viviamo in Dio. Egli ascolta le nostre preghiere e ci dà tre, quattro volte più di quanto abbiamo chiesto, se ciò è bene per la nostra evoluzione spirituale.

Con Dio, vivere è più facile. Dio è libertà e chi ha raggiunto la libertà, la felicità interiore, l’amore interiore e la gioia interiore, vive da quel momento in Dio e Dio vive attraverso di lui: egli vive quindi in Dio. Per ridivenire divini e poter vivere con Dio, dobbiamo essere liberi e sciolti da qualsiasi costrizione, dai desideri e dalle nostre idee fisse.

Pensare in modo giusto significa pensare in modo consapevole e positivo.

Che cosa sono i pensieri negativi? I pensieri negativi sono pensieri che ci assillano, privi di scopo, che provocano lacerazione interiore, nervosismo, divisione, mancanza di forza, paure e preoccupazioni.

Se non riusciamo a dominare noi stessi, entriamo nel circolo vizioso dell’apatia, dalla quale derivano disarmonia, irrequietudine, timori, una crescente insoddisfazione, insonnia, confusione e, infine, la dipendenza da cose e medicinali, da persone, opinioni e dogmi.

Pensare in modo giusto significa pensare in modo consapevole. Che cosa significa pensare in modo consapevole? Dobbiamo prendere coscienza del fatto che noi siamo amati da una Forza potente che tende a svilupparsi e sollecita ad essere compiuta e realizzata.

Pensare in modo consapevole significa: io vivo nel presente; non ho più rancore e non mi preoccupo nemmeno per il futuro. Ho messo ordine nella mia vita, procedo verso la meta, pianifico ma non mi preoccupo se il mio piano riuscirà o meno; con la forza dell’amore mi impegnerò a fare tutto ciò che è necessario. Queste forze lavoreranno poi per me ed apporteranno ciò che è buono e utile.

Questo è un modo di pensare consapevole, questa è una vita che tende alla meta ed è vissuta nel presente. Con un modo di pensare orientato verso la meta, consapevole e positivo, intensifichiamo le energie della nostra anima ed anche del nostro corpo; in tal modo riusciamo a fare molte più cose, diveniamo più vigili e viviamo in modo più consapevole.

Pensare in modo consapevole significa quindi pensare in modo mirato: ciò che facciamo, lo facciamo in modo totale. Pensare in modo consapevole significa che il nostro sentire e il nostro volere sono forze incommensurabili, se le poniamo al servizio dello Spirito. Pensare in modo consapevole significa contrapporre pensieri affermativi, edificanti e di speranza, di coraggio, di freschezza e padronanza della propria vita ai pensieri negativi di disperazione, stanchezza, malattia, rabbia o preoccupazione.

Dobbiamo riconoscere che Dio è amore. Se inviamo pensieri di amore riceveremo anche forze di amore. In tal modo raggiungiamo la crescita interiore e in noi entrano gioia e pace. Se pensiamo solamente a ciò che è amorevole e buono, se sentiamo solo ciò che è amore ed esprimiamo solo ciò che è positivo, si risveglia ciò che è buono e benefico, poiché le vibrazioni che noi emettiamo ritornano a noi.

La forza dell’amore è una forza potente, che è latente in ognuno di noi e diviene attiva non appena noi ci rivolgiamo ad essa con i nostri pensieri.

Anonimo

Fonte: https://www.amadeux.it/forum/topic.asp?TOPIC_ID=22185

WooshDe7Torna Su

Precedente Ken Wilber: Dissociazione e Disidentificazione. 2 Successivo La via iniziatica.