Ramana Maharshi: Vivere Oggi.

Vivere Oggi.

Nessun genere di lavoro costituisce un impedimento per il cammino spirituale. E’ il concetto ‘io sono colui che agisce’ che è l’impedimento.

Se ci si libera di questo concetto attraverso l’investigazione e scoprendo chi è questo ‘io’, allora il lavoro procederà senza impedimenti, dal momento che lo starete facendo senza il senso dell’ego (cioè che voi siete colui che agisce) e senza alcun attaccamento ai frutti del vostro lavoro. Il lavoro procederà in modo anche più efficiente di prima; ma voi sarete sempre nel vostro permanente, naturale, stato di pace e beatitudine.

La rinuncia è nella mente. Non dipende dall’ambiente o da oggetti esterni. Un uomo può essere nel suo villaggio, con la sua famiglia, intento ad occuparsi del suo lavoro ed eppure essere distaccato nella mente, mentre un altro può essere nella foresta, essendosi lasciato alle spalle la famiglia e la proprietà ed eppure la sua mente può essere attaccata a tutto quello che si è lasciata dietro fisicamente.

A cosa serve andare nella foresta? Potete lasciarvi dietro famiglia e lavoro, ma la vostra mente verrà con voi. Starete solamente scambiando la nozione ‘io sono un capofamiglia’ con la nozione ‘io sono un asceta’ e, al posto dei vecchi attaccamenti, ne cresceranno dei nuovi.

Quello di cui c’è bisogno è il rinunciare nella mente e mantenere solo la nozione ‘Io-sono’ e non ‘sono un capofamiglia’ o ‘sono un asceta’.

Non c’è bisogno di rinunciare ad una vita di azione. Se meditate un’ora o due ogni giorno, potrete portare avanti i vostri doveri. Se meditate nel modo giusto, la corrente mentale che viene prodotta durante la meditazione continuerà a scorrere anche nel mezzo del vostro lavoro.

Come andrete avanti, scoprirete che il vostro atteggiamento verso le altre persone, gli eventi e gli oggetti cambierà gradualmente. Le vostre azioni tenderanno automaticamente a seguire le vostre meditazioni.

Un uomo che sta facendo dei progressi comincerà a godere di una beatitudine più profonda, che sia al lavoro o meno. Mentre le sue mani sono impegnate nella società, la sua testa rimane tranquilla in solitudine.

Trattate bene il vostro corpo e lui sarà un buon servitore e un valido strumento. Ma non vi lasciate fuorviare dal ritenere che sia ‘Io’. Cercate di vedere solo il Sé in ogni cosa. Agite automaticamente, se così si può dire e lasciate che ‘Esso’ faccia il lavoro. Non cercate i risultati. Fate quello che è giusto nel dato momento e lasciatevelo alle spalle.

Ramana Maharshi

Fonte: http://maharshi.bizland.com/bhagavan/vivere.htm

WooshDe7Torna Su

Precedente Eric Baret: La sparizione del soggetto e dell'oggetto. Successivo Hakuin: Il canto dello Zazen.