Nisargadatta Maharaj: La mente crea l’abisso.

La mente crea l’abisso, il cuore lo valica…

Tu non presti attenzione a te stesso. La tua mente è sempre con gli oggetti, le persone e le idee e mai con te stesso. Mettiti al centro dell’attenzione, diventa consapevole della tua esistenza. Guarda come funzioni, osserva le motivazioni e i risultati delle tue azioni. Esamina la prigione che hai costruito intorno a te, per inavvertenza. Conoscendo ciò che non sei, arrivi a conoscere te stesso.

Hai soltanto bisogno di sbarazzarti della tendenza a definire te stesso.

Per fluire con la vita intendo l’accettazione: accogliere ciò che viene e lasciar andare ciò che va. Il passato è nella memoria, il futuro nell’immaginazione.

Il desiderio è il ricordo del piacere e la paura è il ricordo del dolore. Tutti e due rendono irrequieta la mente. I momenti di piacere non sono altro che intervalli nel flusso del dolore. Come potrebbe essere felice la mente? La gioia è gioia solamente se contrapposta al dolore.

Per sua stessa natura, la mente divide e oppone. Può esserci un’altra mente che unisce e armonizza, che vede il tutto nel particolare e il particolare come interamente collegato al tutto? La puoi trovare andando oltre la mente che limita, divide e oppone.

La mente crea l’abisso, il cuore lo valica.

Come tutto ciò che è mentale, anche la cosiddetta legge di casualità si contraddice. Nessuna cosa esistente ha una casualità particolare; l’intero universo contribuisce persino all’esistenza delle cose più minuscole. Se la gente sapesse che niente può accadere se l’universo non lo fa accadere, otterrebbe molto di più con minor impiego di energie.

Tratto da: “Io sono Quello”, di Nisargadatta Maharaj

Fonte: http://riciclaggiodellamemoria.blogspot.com/2020/05/la-mente-crea-labisso-il-cuore-lo-valica.html

WooshDe7Torna Su

Precedente Aleksei Shamanov: L’Inferno in cui viviamo si chiama Terra. Successivo Sri Aurobindo: Tranquillizzare la mente.