Alan Watts: La forza della liberazione.

La forza della liberazione. Quando al vecchio maestro Hyakujo venne chiesto in che cosa consistesse lo zen, questi rispose: “Quando ho fame mangio. Quando ho sonno, dormo”. Il postulante controbatte: “Beh ma non e ciò che fanno tutti? Non sei proprio come gli esseri ordinari”. Oh no, rispose il maestro, “Gli esseri ordinari non fanno nulla del genere; quando hanno … Continue reading

Alan Watts: Sentire ciò che stiamo sperimentando.

Sentire ciò che stiamo sperimentando, così com’è. “Se lavora nel modo giusto, la mente è la più alta forma di ‘sapere istintivo’. Dovrebbe quindi operare come l’istinto dei piccioni viaggiatori e la formazione del feto nel grembo, senza verbalizzare il processo, né sapere ‘come’ lo faccia. La mente autocosciente […] è un disturbo e si manifesta nell’acuta sensazione della separazione … Continue reading

Alan Watts: Perché meditare?

È quasi ridicolo chiedere «Perché meditare?» “Non esiste un sé (soggetto) separato che possa fare o non fare cosa alcuna in merito a questo problema [delle questioni e domande che nascono dalla nostra realtà illusoria]. Così può apparire evidente che se non c’è un io soggettivato ad essere perplesso, la corrente dell’esperienza può semplicemente fluire da se stessa, senza ostacoli. … Continue reading

Alan Watts: Lo sforzo di fare sforzi.

Lo sforzo di fare sforzi. (Qui parla del praticante in meditazione) “Uno non ascolta – ma semplicemente ode tutti i suoni che stanno emergendo dal silenzio, senza fare alcuno sforzo per collocarli o identificarli. Così pure, uno non guarda, ma solo vede la luce, il colore e la forma giocare con gli occhi, come se anch’essi emergessero momento per momento, … Continue reading

Alan Watts: La nostra cultura.

Cosa c’è di sbagliato nella nostra cultura. «Sembra che noi non riusciamo ad adattarci all’ambiente senza distruggerlo. Com’è che, in qualche modo, questa cultura rappresenta soltanto la legge della diminuzione e del guadagno, che il nostro successo è un fallimento, che stiamo costruendo, in altre parole, un’enorme civiltà tecnologica che sembra promettere il realizzarsi di qualsiasi desiderio, semplicemente toccando un … Continue reading

Alan Watts: La Via è la meta.

La Via è la meta. Il grande Tao scorre ovunque, verso sinistra e verso destra. Ama e nutre tutte le cose, ma non si comporta da padrone nei loro confronti. Lao-tzu disse: «Il Tao non fa nulla, ma nulla è lasciato non fatto». Tao significa “Via” o “Strada”, la strada della Natura. Lao Zi affermava che la realizzazione del Tao … Continue reading

Alan Watts: Questo è il Tao.

Questo fluire ininterrotto è il Tao. Non cercate di liberarvi dalla sensazione dell’io: consideratela, finché dura, un aspetto o un gioco dell’intero processo, come una nuvola o un’onda, il sentir caldo o freddo e come qualsiasi cosa che accade da sola. Il cercare di liberarvene finirebbe col rafforzare la realtà di quella sensazione. Liberarsi dal proprio io è l’ultima possibilità che … Continue reading

Alan Watts: Semplicemente Questo.

C’è semplicemente tutto questo. Un giovane alla ricerca della saggezza spirituale si era posto sotto l’insegnamento di un famoso santone. Il saggio lo prese al proprio servizio personale, ma dopo qualche mese il giovane si lamentò di non avere ancora ricevuto alcun insegnamento. «Che dici mai!», esclamò il santo, «Quando mi portavi il riso, forse non lo mangiavo? Quando mi … Continue reading

Alan Watts: La realtà non esiste.

La realtà non esiste. Il testo seguente è tratto da un discorso di Alan Watts nel 1965, intitolato ‘’Nuotando senza testa’’. E’ stato stampato nel libro ‘’Talking zen’’ e faceva parte di un seminario sul taoismo a Big Sur in California. L’arte di vivere è agire nel mondo come se foste assenti: questa situazione è realmente costruita nella fisiologia stessa … Continue reading

Alan Watts: Tutto è Tao.

Tutto è Tao. Che la nostra vita sia un istante di dissolvimento, in cui non c’è nulla e nessuno da afferrare, è il modo negativo di esprimere qualcosa che può essere anche espresso positivamente. Ma il modo positivo di esprimere questo concet­to non è affatto così efficace e potente, e può portare facil­mente a malintesi. La sensazione che ci sia … Continue reading

Alan Watts: Sulla Meditazione.

Dove esiste uno scopo non c’è meditazione. La meditazione seduta non è, come spesso si suppone, un esercizio spirituale, una pratica seguita per un fine ulteriore. Dal punto di vista buddhista, è solo il modo giusto di sedere, e appare del tutto naturale rimanere seduti fintanto che non vi sia altro da fare, e finché non ci colga l’agitazione nervosa. … Continue reading

Alan Watts: Essere consapevoli.

Essere consapevoli. La domanda: “Cosa dobbiamo fare in proposito?”, è posta solo da chi non capisce il problema. Se un problema può essere risolto, capirlo e sapere che cosa fare in proposito sono la stessa cosa. Per contro, fare qualcosa circa un problema che non si capisce è come cercare di spazzar via l’oscurità allontanandola con le mani. Quando facciamo … Continue reading