Dalai Lama: La sofferenza.

La sofferenza.

Quando il Buddha parlava della sofferenza, non si riferiva in modo particolare alle malattie o al dolore fisico, ma all’insoddisfazione. L’insoddisfazione è la vera sofferenza!

Per quanto si possieda, il desiderio non diminuisce, si vuole sempre di più: questa è la sofferenza, è la frustrazione.

La psicologia buddhista elenca sei illusioni fondamentali che producono frustrazione e disturbano la pace della mente umana, rendendola agitata: l’attaccamento, l’ira, l’ignoranza, l’orgoglio, il dubbio e l’influenza delle opinioni distorte.

Questi non sono fenomeni esterni, ma mentali. Così, quando il Buddha insegnò alla gente come superare queste illusioni, non si limitò a dare un credo o una fede, ma sottolineò la necessità di comprendere la propria natura.

Senza un’indagine della propria mente e lo sviluppo della conoscenza-saggezza introspettiva, non è possibile accrescere questa comprensione.

Anche se parliamo molto d’illusione, in realtà non ne sappiamo nulla. Queste illusioni fondamentali derivano dall’ego. Per essere liberi non è necessario che abbandoniate i vostri beni, li potete tenere, ma se agite con attaccamento sarete irrequieti, la vostra vita sarà difficile e conserverete una mente annebbiata e contaminata.

Dalai Lama

Fonte: https://www.meditare.net/wp/buddhismo/la-sofferenza-dalai-lama/

WooshDe7Torna Su

Precedente Meditare sul non-sé. Successivo Eric Baret: Il pensiero non esiste.